Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

MYANMAR: ALMENO 64 CONDANNATI A MORTE PER LE PROTESTE CONTRO IL COLPO DI STATO

28 giugno 2021:

I tribunali della giunta militare del Myanmar hanno condannato a morte almeno 64 persone che erano state arrestate durante le proteste contro il colpo di stato del 1° febbraio 2021, inclusi due ragazzi di età inferiore ai 18 anni, secondo fonti nel Paese.
La maggior parte di loro è stata arrestata nelle township dell'ex capitale Yangon, dove è stata dichiarata la legge marziale in seguito alla presa del potere da parte dell'esercito, affermano le fonti. Si ritiene tuttavia che nessuno dei condannati sia stato giustiziato, dal momento che nel Myanmar non vengono eseguite condanne capitali dal 1998.
In una lettera inviata a sua madre dal carcere, uno dei condannati, il diciassettenne Nyein Kyaw Thein, ex studente della Thanlyin Youth Training School, ha negato il proprio coinvolgimento nell’omicidio di un sostenitore del golpe, Zaw Min, che è stato ucciso e dato alle fiamme nella township di South Dagon, a Yangon, alla fine di marzo.
“Mi hanno chiamato assassino, ma non è vero. Non ho ucciso nessuno", ha detto Nyein Kyaw Thein, chiedendo a sua madre di rimanere forte e di prendersi cura di se’ stessa e di suo padre. “Io sto bene. Ti ho reso infelice, mamma, e vorrei farmi perdonare quando tornerò, te lo prometto", ha aggiunto.
Arrestato lo stesso giorno, il quindicenne Min Thu, uno studente di settimo grado nella scuola frequentata da Nyein Kyaw Thein, si è consegnato alle autorità dopo che suo cognato era stato arrestato per forzare la sua resa, ha detto la sorella del ragazzo.
"Ho chiesto a mio fratello se fosse coinvolto nell'omicidio e lui ha negato", ha detto la giovane donna. “Ma qualcuno gli ha detto che la polizia aveva arrestato mio marito perché non riusciva a trovarlo, e così si è consegnato”.
"È un bravo ragazzo. Ci ha detto che la polizia ha smesso di picchiarlo, ma che è ancora abusato da altri", ha aggiunto.
Quattro fratelli che svolgevano servizio di sicurezza nel loro settore della città la notte dell'omicidio sono stati portati via dalla loro casa sotto la minaccia delle armi dopo essere andati a vedere la scena del delitto per curiosità, ha detto la madre a RFA.
"All'epoca non potevo dire nulla, ma è stato straziante vedere i miei ragazzi portati via dalla loro casa in manette", ha detto. "Non abbiamo più saputo nulla di loro, ma in seguito abbiamo appreso che erano stati condannati a morte".
Delle 18 persone condannate a morte per l’omicidio di Zaw Min, 11 si trovano in carcere mentre sette sono state condannate in contumacia, affermano le fonti.
Nel Myanmar i condannati a morte possono impugnare le sentenze entro 15 giorni, ma solo i funzionari della prigione possono presentare i loro appelli, basandosi sulle dichiarazioni rilasciate dai prigionieri stessi, ha detto un avvocato a RFA.
"E non sappiamo se quello che hanno scritto sia in accordo con la legge o meno", ha aggiunto.
Parlando a condizione di anonimato, un portavoce dell'Associazione di Assistenza ai Prigionieri Politici (AAPP), con sede in Thailandia, ha affermato che le condanne a morte imposte dai tribunali militari del Myanmar sono state emesse "per risentimento".
“Le persone non sostengono il colpo di stato dei militari e si oppongono in ogni modo possibile. E in mezzo a tutti gli arresti arbitrari e le percosse, la gente sta combattendo per legittima difesa. I militari poi serbano rancore nei confronti della gente ed emettono queste condanne a morte per risentimento", ha aggiunto.
Nickey Diamond, membro del gruppo per i diritti umani nel sud-est asiatico Fortify Rights, ha detto che negli ultimi anni le condanne a morte precedentemente emesse in Myanmar sono state commutate in ergastolo sulla base di nuove leggi.
"Ma ora si teme che il Consiglio Militare [al potere] possa ignorare questo aspetto".
"Queste [condanne a morte] sono il tentativo della giunta militare di intimidire coloro che si oppongono alla dittatura e di spaventarli", ha detto.
Secondo i dati raccolti da AAPP e RFA, delle 64 persone condannate a morte a Yangon dal golpe del 1° febbraio, 20 sono state condannate a North Okkalapa, 18 a South Dagon, cinque a Shwepyithar, sette a Hlaing Thar Yar e 14 a Shwe Paukkan Myothit.

(Fonti: RFA, 25/06/2021)

Altre news:
IRAN - Un uomo, identificato solo come “M.” è stato giustiziato a Mashhad il 30 giugno
IRAN - Un uomo, identificato solo come A. A., giustiziato a Mashhad il 30 giugno
USA - Texas. John Hummel è stato giustiziato il 30 giugno
IRAN - Il minorenne condannato a morte Ali Arjangi eviterà l’esecuzione
SOMALIA: 18 MEMBRI DI AL-SHABAAB GIUSTIZIATI NEL PUNTLAND
IRAN - Massoud Esfandiari giustiziato il 30 giugno nella prigione di Kermanshah
EGITTO: NOVE GIUSTIZIATI AL CAIRO
IRAN - Mohammad Taher Soleimani giustiziato nella prigione di Mahabad il 30 giugno
IRAN - Azim Karimizayi giustiziato nella prigione di Mashhad il 30 giugno
IRAN - Azione urgente per salvare Hossein Kheiri
USA - Nevada. Hikma Phamaceuticals cita in giudizio l'Amministrazione Penitenziaria
USA - Texas. Clamoroso record di diffidenti nei confronti della pena di morte
IRAN - Hashem Torabi giustiziato nella prigione di Zahedan il 26 giugno
IRAN - Abdulhamid Ghanbarzehi e un altro uomo giustiziati nella prigione di Zahedan il 26 giugno
IRAN - Ali Khamenei grazia 5.100 detenuti
USA - Ohio. David Braden è la prima persona a lasciare il braccio della morte per la nuova legge sulla malattia mentale
IRAN - Raisi deve essere ritenuto responsabile di tortura
BATTISTI PRENDA ESEMPIO DA PANNELLA: UNA BATTAGLIA NON VIOLENTA NON PUÒ ESSERE FINO ALLA MORTE
GIAPPONE: CONDANNATO A MORTE PER AVER INVESTITO E UCCISO DUE SPAZZINI CON UN CAMION
USA - La sinagoga di Pittsburgh non vuole la pena di morte per Robert Bowers
SRI LANKA: CONDANNATI A MORTE PROTESTANO CONTRO LA CONCESSIONE SELETTIVA DELLA GRAZIA
USA - Pubblicato “Capital Punishment, 2019”
EGITTO: GIUSTIZIATI OTTO PRIGIONIERI
IRAQ: CONDANNATO A MORTE PER L’UCCISIONE DI UNA FAMIGLIA
PENA DI MORTE, BIDEN TENTENNA: ‘IO DICO NO, MA SE INSISTETE…’
IRAQ: 13 CONDANNE A MORTE PER TERRORISMO
EGITTO: DUE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
BANGLADESH: GIUSTIZIATO PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE COMMESSO 17 ANNI FA
USA - Florida. Brandon Bradley all'ergastolo per l'omicidio di una vice-sceriffo
IRAN - Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani

1 2 3 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits