Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Dzhokhar Tsarnaev
Dzhokhar Tsarnaev
MASSACHUSETTS (USA): VITTIME MARATONA DI BOSTON DIVISE SULLA PENA DI MORTE

21 aprile 2015: Le vittime della strage della Maratona di Boston prendono posizioni diverse sulla pena di morte. Un editoriale del New York Times riporta i pareri di alcune vittime o familiari della vittime nel giorno in cui si apre la seconda fase del processo, quella in cui verrà determinata la pena. Contrari alla condanna a morte si sono dichiarati, con un editoriale pubblicato in prima pagina sul Boston Globe, Bill e Denise Richard, il cui figlio di 8 anni, Martin, è rimasto ucciso nella strage, e la cui figlia Jane ha perso una gamba.
I signori Richard non hanno insistito tanto su una questione di principio, ma sulla necessità di chiudere il processo in tempi brevi, senza dover poi affrontare continue riaperture del caso, e il riaffiorare di ricordi dolorosi, come invece accadrebbe con i molti ricorsi disponibili per i condannati a morte.
Dopo la dichiarazione dei signori Richard, anche Jessica Kensky e Patrick Downes hanno preso una posizione pubblica contro la pena di morte per Tsarnaev. I due, sposati da poco, in passato avevano corso la maratona di Boston. Nell’esplosione del 2013 entrambi hanno perso una gamba. In una intervista al Boston Globe hanno detto: “All’inizio ci auguravamo che anche l’imputato provasse il dolore che abbiamo provato noi e le altre vittime. Ma ora ci basta sapere che non potrà mai più nuocere a nessuno, e ci auguriamo che il processo si concluda rapidamente e definitivamente, e l’imputato sparisca al più presto possibile dalla coscienza collettiva. Dobbiamo superare l’impulso di vendetta”.
Il 13 aprile Jennifer Lemmerman, sorella di Sean Collier, l’agente della security del Massachusetts Institute of Technology rimasto ucciso in un conflitto a fuoco con i 2 fratelli Tsarnaev il 19 aprile 2013, in una lettera al Boston Globe si è detta anche lei contraria alla condanna a morte per Dzhokhar Tsarnaev. “Quando qualcuno si dichiara contrario alla pena di morte, gli si dice sempre di immaginare come si sentirebbe se fosse il parente di una delle vittime. A me è stato dato questo orribile punto di vista, e posso dire che la mia posizione contro la pena di morte si è solo rafforzata”. Ha poi proseguito: “Non riesco a immaginare che uccidere in risposta ad un’uccisione possa darmi pace o giustizia… ho scelto di ricordare Sean per la luce che mi ha portato. Non voglio più buio”.
A favore della “condanna massima” si è invece dichiarata Liz Norden, i cui 2 figli hanno entrambi perso una gamba nell’esplosione. Queste prese di posizione in teoria non dovrebbero influenzare i giurati popolari, che hanno avuto disposizione di tenersi lontani dai notiziari e, come ulteriore precauzione, sono stati invitati a non partecipare alla nuova edizione della Maratona di Boston che si è corsa ieri.
Lo scorso 8 aprile  a Boston una giuria popolare federale ha riconosciuto Dzhokhar Tsarnaev, 21 anni, bianco, colpevole di tutti i 30 capi di imputazione relativi alla strage della Maratona di Boston del 2013. 16 di questi capi di imputazione sono passibili di pena capitale. La pubblica accusa, rappresentata da Carmen Ortiz, è intenzionata a farlo. I difensori sosterranno invece che l’imputato, seppure certamente colpevole, ha però agito sotto la fortissima influenza psicologica ed affettiva del fratello maggiore, Tamerlan Tsarnaev.
 Il 15 aprile 2013, nei pressi dell’arrivo della tradizionale Maratona di Boston, i due fratelli di origine cecena Tamerlan e Dzhokhar Tsarnaev furono ripresi dalle telecamere di sorveglianza mentre collocavano due bombe artigianali che, esplodendo poco dopo, causarono la morte di 3 persone e oltre 260 feriti. I morti furono Martin Richard, 8 anni, Krystle Campbell, 29 anni, e Lu Lingzi, 23 anni. Una quarta vittima, Sean Collier, un agente della security del Massachusetts Institute of Technology, rimase ucciso in un conflitto a fuoco con i 2 fratelli il 19 aprile.
Lo stesso giorno Tamerlan, 26 anni, rimase ucciso in un conflitto a fuoco con la polizia. Dzhokhar, che allora aveva 19 anni, venne arrestato il 24 aprile. Il giudice George A. O'Toole Jr. ha stimato che la fase di sentenza, iniziata oggi, dovrebbe durare circa 4 settimane. Statisticamente i dati sono favorevoli a Tsarnaev: da quando la pena di morte federale è stata reintrodotta nel 1988, i procuratori federali la hanno chiesta in 230 casi, ma è stata respinta dalla giurie popolari in 2/3 dei casi, e le esecuzioni, nello stesso periodo, sono state solo 3. Nel sistema penale federale, una condanna a morte può essere emessa solo all’unanimità. (Fonti: New York Times, 21/04/2015)

Altre news:
NIGER: PRESIDENTE MAHAMADOU ISSOUFOU EMETTE PROVVEDIMENTO DI CLEMENZA
EGITTO: EX PRESIDENTE MORSI CONDANNATO A 20 ANNI DI CARCERE
IRAN: VENTI PRIGIONIERI GIUSTIZIATI PER DROGA
PAKISTAN: 15 PRIGIONIERI IMPICCATI IN VARIE CITTA'
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO PER L’OMICIDIO DELLA CAMERIERA INDONESIANA
BANGLADESH: CINQUE CONDANNE ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
INDIA: PENA DI MORTE COMMUTATA IN ERGASTOLO
IRAN: 10 PRIGIONIERI IMPICCATI AD ESFAHAN, SHIRAZ E ZAHEDAN
EGITTO: CONDANNE A MORTE CONFERMATE PER 22 SOSTENITORI DI MORSI
SINGAPORE: DUE TRAFFICANTI DI DROGA EVITANO L’ESECUZIONE
PAKISTAN: UN ALTRO PRIGIONIERO IMPICCATO A VEHARI
OKLAHOMA (USA): GOVERNATRICE RATIFICA LA CAMERA A GAS
SINGAPORE: PRIGIONIERO GIUSTIZIATO PER OMICIDIO
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATA UN’ALTRA DOMESTICA INDONESIANA
NEBRASKA (USA): PARLAMENTO APPROVA ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE
PAKISTAN: ALTRI CINQUE IMPICCATI IN TRE CARCERI DEL PUNJAB
PAKISTAN: CINQUE CONDANNE ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
TEXAS (USA): MANUEL GARZA GIUSTIZIATO
MISSOURI (USA): ANDRE COLE GIUSTIZIATO
INDIA: CONDANNA A MORTE COMMUTATA IN ERGASTOLO
PAKISTAN: OMICIDA IMPICCATO A BAHAWALPUR
ARABIA SAUDITA: DECAPITATA DONNA CON SOSPETTA MALATTIA MENTALE
ORLANDO A DOHA: ABOLIZIONE PENA MORTE È OBIETTIVO PRIORITARIO
AFGHANISTAN: TRIBUNALE DELLA SHARIA IMPICCA DUE UOMINI PER SEQUESTRO
TENNESSEE (USA): CORTE SUPREMA DI STATO SOSPENDE ESECUZIONI
SOMALIA: SEI FUCILATI PER OMICIDIO NEL SOMALILAND
IRAN: TRE PRIGIONIERI IMPICCATI
IRAN: OTTO GIUSTIZIATI IN CARCERE A KARAJ PER DROGA
EGITTO: CONDANNE A MORTE PER LEADER DELLA FRATELLANZA
BANGLADESH: IMPICCATO EX DIRIGENTE DI PARTITO ISLAMICO

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits