Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

United Nations - Flag
United Nations - Flag
IRAN - Rapporto del Segretario Generale delle Nazioni Unite sui diritti umani in Iran

21 giugno 2022:

IRAN

Uno sguardo sulla grave situazione dei diritti umani in Iran nel rapporto del Segretario Generale delle Nazioni Unite
La situazione dei diritti umani in Iran non è conforme a nessuno degli standard stabiliti nella Dichiarazione universale dei diritti umani e nel diritto umanitario internazionale. Pur riferendo le sue leggi criminali e disumane ai principi dell'Islam, il regime iraniano si permette di commettere qualsiasi tipo di violazione dei diritti umani.
Ora è diventato chiaro che le brutali leggi del regime non hanno nulla a che fare con Dio e il Corano. Le norme citate dai mullah sono leggi legali e penali superate, relative all'epoca preislamica e medievale. Risalgono ad un’epoca in cui il ricorso a pene violente come lapidazione, decapitazione, lancio da una montagna e amputazione di arti venivano usate su ampia scala e in tutto il mondo, indipendentemente dalla dipendenza religiosa.
Nell'era del boom della coscienza e del progresso delle relazioni umane, sentenze come la pena di morte sono state bandite in molti paesi, anche con mezzi avanzati.
Oggi, grazie ai media, la resistenza iraniana è riuscita a informare il mondo sulla deplorevole situazione dei diritti umani nel sistema “Velayat-e-Faqih” (l’insieme dei riferimenti islamici a cui si ispira il governo iraniano) presentando documenti e prove innegabili. Alcune delle orribili realtà ora si riflettono a livello globale.
Nell'ultimo rapporto del Segretario Generale delle Nazioni Unite vediamo il riflesso delle violazioni dei diritti umani in Iran.
Si rammenta che tale risoluzione chiedeva al Segretario generale di presentare un rapporto provvisorio sulla situazione dei diritti umani nella Repubblica islamica dell'Iran alla 50a sessione del Consiglio per i diritti umani.
Il rapporto (Situazione dei diritti umani nella Repubblica islamica dell'Iran - Rapporto del Segretario Generale ai sensi della risoluzione 76/178 dell'Assemblea Generale -- A/HRC/50/19), diffuso il 21 giugno, preparato della Sig.ra Nada Al - Nashif, Vice Alto Commissario per i diritti umani, afferma che il numero di esecuzioni arbitrarie in Iran nel 2021 è stato di almeno 310, il che mostra un aumento rispetto al 2020. Il rapporto pone il numero di esecuzioni nel 2020 a 260. È interessante notare che il governo ha reso pubbliche solo 55 di queste esecuzioni.
Il rapporto del Segretario generale chiede la fine dell'esecuzione di minori e sottolinea che la pena di morte non dovrebbe essere applicata ai reati commessi da persone di età inferiore ai 18 anni. Una parte del rapporto del Segretario Generale è dedicata alla repressione delle proteste in Khuzestan e Isfahan. “In alcune occasioni, secondo quanto riferito, le autorità hanno utilizzato agenti in borghese per fingere la presenza di manifestanti armati o violenti, a cui poi hanno attribuito la morte dei manifestanti. L’uso di proiettili veri da parte della polizia e delle forze di sicurezza, compreso l'uso di armi automatiche e fucili a pompa caricati con pallini di piombo, e di altra forza potenzialmente letale, ha portato all'uccisione di almeno nove persone, compreso un minore, e al ferimento di molti, compresi bambini.”
Anche la repressione attuata dalle forze dell’ordine contro la popolazione di Isfahan è trattata nel rapporto:
“Successivamente, secondo quanto riferito, le forze di sicurezza hanno appiccato il fuoco alle tende degli agricoltori, sparato gas lacrimogeni contro le tende e sparato in aria. Le forze di sicurezza sono ricorse all'uso di manganelli, gas lacrimogeni e pistole a pallini. Al momento della repressione è stata segnalata un'interruzione di Internet. L'uso diffuso di pistole a pallini utilizzate a distanza ravvicinata contro manifestanti e passanti, inclusi vecchi contadini e donne, ha causato gravi lesioni agli occhi e altre ferite. È stato riferito che oltre 40 persone hanno perso almeno un occhio dopo essere state colpite dalle forze di sicurezza”.
Uno dei crimini che il regime di Velayat-e-Faqih giustifica con il pretesto di combattere il "contrabbando" attraverso i confini è la brutale uccisione di Kolbar (facchini transfrontalieri) in Kurdistan e dei facchini di carburante Baluchi. I social network sono pieni di foto e video di questo massacro.
Il rapporto del Segretario generale afferma che “nel 2021, 53 facchini transfrontalieri (che le autorità iraniane considerano contrabbandieri, ndt) sarebbero stati uccisi da colpi d’arma da fuoco sparati intenzionalmente dalle guardie di frontiera e oltre 130, tra cui minori, sarebbero rimasti feriti. Tra il 1° gennaio e il 20 marzo 2022, almeno 18 corrieri di frontiera curdi o baluchi sarebbero stati presi di mira da colpi di fucile sparati da guardie di frontiera”.
Il rapporto del Segretario generale sottolinea che "inoltre, il codice penale ha continuato a mantenere forme di punizione che potrebbero essere considerate torture, crudeli disumane e degradanti ai sensi del diritto internazionale dei diritti umani La fustigazione è rimasta una forma di punizione diffusa durante il periodo di riferimento".
Le morti sospette di detenuti nelle strutture di detenzione segrete del regime sono un altro punto di questo rapporto. Sulla morte di Shahin Naseri (testimone della tortura del giustiziato Navid Afkari) il rapporto aggiungeva:
“Naseri ha rilasciato diverse dichiarazioni giurate di aver assistito alla tortura del compagno di prigionia, Navid Afkari. Naseri aveva già ricevuto minacce di rappresaglia dalle autorità giudiziarie per le sue testimonianze. Nell'anniversario dell'esecuzione di Navid Afkari nel settembre 2021, Naseri è stato messo in isolamento, secondo quanto riferito, per impedirgli di parlare con i media. È stato trovato morto in carcere il 21 settembre 2021”.
Un'altra parte del rapporto esprime preoccupazione per la strana e tragica morte del poeta Baktash Abtin, e di altri prigionieri politici e ideologici.
La libertà del regime di reprimere, torturare, discriminare e uccidere donne e ragazze con accuse inventate è uno dei casi che ha scosso la coscienza contemporanea. Quando mettiamo questi casi accanto alla violenza e alla misoginia istituzionalizzate, le dimensioni e le statistiche delle violazioni dei diritti umani salgono alle stelle. Fortunatamente, il rapporto del Segretario Generale ne affronta una parte:
“I recenti casi segnalati di violenza contro le donne illustrano l'urgenza di accelerare la legislazione con un approccio olistico per affrontare e prevenire la violenza contro le donne. Nel febbraio 2022 una ragazza di 17 anni è stata decapitata dal marito. Suo marito, che in precedenza aveva minacciato di ucciderla, è stato arrestato in seguito dalla polizia. Dal 2020, almeno 60 donne sono state uccise nella provincia del Khuzestan per motivi di percepito "onore".
"Il suddetto caso di femminicidio illustra le conseguenze del matrimonio precoce e l'estrema vulnerabilità alla violenza domestica delle minori costrette al matrimonio".
Il fatto che questo rapporto usi termini come “esecuzioni arbitrarie, uso mortale della forza da parte delle forze di sicurezza contro manifestanti pacifici e kolbar, nonché privazione arbitraria del diritto alla vita in detenzione a seguito di tortura o privazione dell'accesso tempestivo alle cure mediche” è il frutto delle molte attività che le varie organizzazioni non governative hanno svolto per provare la grave violazione dei diritti umani in Iran.
Queste attività sono il prodotto del coraggio e del sacrificio del popolo iraniano. L'attivismo per i diritti umani massacrati in Iran deve essere accresciuto e trasformato in un'arma efficace per rovesciare il regime.

https://irannewsupdate.com/news/human-rights/glimpse-of-irans-slaughtered-human-rights-in-the-un-secretary-generals-report/
(https://www.ohchr.org/en/statements/2022/06/presentation-secretary-generals-report-situation-human-rights-islamic-republic)

(Fonte: irannewsupdate.com)

Altre news:
EMIRATI ARABI UNITI: ANNULLATA IN APPELLO LA CONDANNA A MORTE DI ISRAELIANA
USA - Ketanji Brown Jackson ha giurato
IRAN - Omid Ebrahimi e Salar Nasiri giustiziati a Urmia il 30 giugno
EGITTO: 10 CONDANNATI A MORTE NEL CASO DELLE BRIGATE HELWAN
IRAN - Jilan Nourzehi giustiziato a Kerman il 23 giugno
IRAN - 10 detenuti giustiziati a Rajai Shahr il 29 giugno
NIGERIA: QUATTRO CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE A EKITI PER RAPINA A MANO ARMATA E OMICIDIO
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
UZBEKISTAN: LA NUOVA COSTITUZIONE VIETA LA PENA DI MORTE
USA - Biden deve mantenere la promessa di porre fine della pena di morte federale
IRAN - Nasrollah Iliad e un uomo non identificato giustiziati a Karaj il 27 giugno
GIORDANIA: SONO 239 I PRIGIONIERI DEL BRACCIO DELLA MORTE
ARABIA SAUDITA: LIBERATO GIOVANE PRIGIONIERO POLITICO CHE AVEVA RISCHIATO LA PENA CAPITALE
IRAN - Yousef Sanjari giustiziato a Jiroft il 26 giugno
IRAN: FORCA A TUTTA VELOCITA’, QUANTI NE AMMAZZA NON SI SA
PRIMA, DURANTE E DOPO IL CARCERE: LE TRE VITE DI ROBERTO
LAMEZIA TERME: 27 GIUGNO PRESENTAZIONE DEL VOLUME ‘GIUSTIZIA E’ FATTA! Ma niente sarà più come prima’
BANGLADESH: SEI ISLAMISTI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
NIGERIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELL’AMANTE DELLA MOGLIE
COREA DEL SUD: CONDANNA A MORTE PER DUPLICE OMICIDIO
NIGERIA: DOMESTICA CONDANNATA A MORTE PER OMICIDIO
MALESIA: COPPIA SI SALVA DAL PATIBOLO
IRAN - Per l'Iran il rapporto ONU sui diritti umani è "ingiusto e parziale"
MALESIA: SONO 1.341 I PRIGIONIERI NEL BRACCIO DELLA MORTE
NIGERIA: CONDANNATO A MORTE PER RAPINA A MANO ARMATA
IRAN - Abdulrashid Sahneh giustiziato a Gorgan il 20 giugno
IRAN - Abdol Latif Moradi giustiziato a Mashhad il 20 giugno
IRAN - Firuz Musalou giustiziato segretamente nella prigione di Urmia il 20 giugno
KENYA: OPINIONE PUBBLICA E PENA DI MORTE
IRAN - Rasoul Khosravi-Baboli e Gholam Eslami giustiziati a Shiraz il 19 giugno

1 2 3 4 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits