Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Wu Chi-man
Wu Chi-man
CINA: CITTADINO DI HONG KONG MALATO MENTALE GIUSTIZIATO PER TRAFFICO DI DROGA

30 ottobre 2021:

Un cittadino di Hong Kong sofferente di allucinazioni e altri problemi di salute mentale è stato giustiziato il 29 ottobre 2021 nella Cina continentale, dove era stato condannato a morte nel 2017 per traffico di droga.
E’ stato giustiziato poche ore dopo aver rivisto i genitori, per la prima volta da quando era stato arrestato cinque anni fa.
Il cinquantenne Wu Chi-man, che si era dichiarato colpevole di aver spacciato 15 kg di metanfetamina a Shenzhen nel marzo 2016, ha ricevuto un'iniezione letale nelle prime ore del 29 ottobre, ha detto a Hong Kong Free Press (HKFP) una volontaria di Hong Kong che ha seguito il suo caso.
Il padre 80enne di Wu e la madre 78enne hanno parlato con il figlio in prigione da sopra una barriera di vetro, alcune ore prima dell'esecuzione. Non vedevano Wu da anni, fino a quando le autorità continentali non li hanno informati alcune settimane fa della possibilità di incontrare loro figlio e sapevano che poteva essere l'ultima occasione per farlo.
"Hanno detto che Wu sembrava in salute ed emotivamente stabile, almeno all'inizio", ha detto Hannah, una volontaria di Voice for Prisoners che assiste la famiglia di Wu dal settembre dello scorso anno.
"Era grato nei nostri confronti per aver seguito il suo caso, nonostante questo non abbia cambiato la sua condanna", ha aggiunto.
La famiglia di Wu aveva fatto appello sia alle autorità di Hong Kong che a quelle cinesi per risparmiare la sua vita, dicendo che aveva commesso il crimine solo a causa della sua povertà, in un periodo in cui era "turbato dai suoi problemi mentali a lungo termine".
Wu era noto ai servizi psichiatrici della città dal 2000 e gli era stato diagnosticato un abuso di polisostanze, allucinazioni e disturbi dell'adattamento, tra i diversi problemi di salute mentale. La storia medica di Wu non è stata tuttavia menzionata nel suo processo iniziale nel 2017, né nel successivo appello che ha confermato la condanna a morte.
Wu era una persona "gentile" e "un bravo figlio", ha detto sua madre, soprannominata Chan, a HKFP in una telefonata la scorsa settimana, quando era in quarantena per Covid-19 in un hotel di Shenzhen. Meritava una "via d'uscita" e la possibilità di "correggersi", ha detto Chan, aggiungendo che la condanna a morte fosse troppo severa per un uomo che aveva ammesso la colpa e non aveva precedenti penali in Cina.
Parlando con HKFP sotto pseudonimo per paura di ritorsioni, Hannah ha detto che i genitori di Wu rimarranno a Shenzhen fino all'8 novembre in attesa della sua cremazione e per ricevere i documenti dalle autorità. Non sono autorizzati a portare a casa gli effetti personali di Wu, tra cui un orologio, una collana e un po' di soldi, perché un tribunale nel 2020 ha stabilito che i suoi beni debbano essere confiscati.
Il Comitato Congiunto di Hong Kong per l'Abolizione della Pena di Morte all'inizio di questo mese aveva presentato una petizione all'Ufficio di collegamento cinese a Hong Kong, chiedendo alle autorità della Cina continentale di fermare l'esecuzione e concedere a Wu un nuovo processo. La petizione chiedeva anche al leader cinese Xi Jinping di graziare il cittadino di Hong Kong.
Franco Mella, un membro del Comitato, ha detto a HKFP che l'agenzia di Pechino aveva risposto che la questione era al di fuori del proprio ambito di lavoro.
“Dal contenuto della lettera, le richieste non rientrano nell'ambito di lavoro del nostro ufficio. [Noi] suggeriamo all'organizzazione di gestire la questione attraverso strumenti legali nel continente", aveva detto l'Ufficio di collegamento in una risposta scritta datata 27 ottobre.

(Fonti: Hongkongfp, 29/10/2021)

Altre news:
SCIOLTO IL COMUNE DI FOGGIA, TRIONFA LA CULTURA DEL SOSPETTO
GAZA: HAMAS CONDANNA A MORTE SEI ‘INFORMATORI’
USA, È BOOM DI OMICIDI: AUMENTATI DI 5 MILA NELL’ANNO DELLA PANDEMIA
USA - Oklahoma. John Grant giustiziato il 28 ottobre
PAKISTAN: DUE CONDANNATI A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
USA - Pubblicata l’ultima edizione di "Death Row USA"
ARABIA SAUDITA: ALI AL-NIMR SCARCERATO DOPO QUASI DIECI ANNI
MALESIA: DUE CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI METANFETAMINA
BANGLADESH: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
IRAN - Susan Rezaiipour impiccata a Qazvin il 27 ottobre
INDIA: COPPIA CONDANNATA A MORTE PER OMICIDI DI FAMILIARI
EGITTO: TRE CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO
NIGERIA: RELIGIOSO NEL BRACCIO DELLA MORTE RILASCIATO DOPO 14 ANNI
IRAN - Sohrab Naji e Vahab Samadi giustiziati a Shiraz il 25 settembre
PAKISTAN: DUE POLIZIOTTI CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN GIOVANE
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
INDIA: NOVE CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI TRE MEMBRI DI UNA FAMIGLIA
BIELORUSSIA, IL BOIA D’EUROPA CHE NON SI FERMA DAVANTI A NIENTE
UNA TELEFONATA ALLUNGA LA VITA, NO A PASSI INDIETRO SUI COLLOQUI
SIRIA: GIUSTIZIATI 24 ‘TERRORISTI’ PER INCENDI DOLOSI
BANGLADESH: POLIZIOTTO CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
GAMBIA: CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
IRAN - Nazarnaz Ghanbarzehi giustiziato a Zahedan il 21 ottobre
INDIA: PRIGIONIERI DEL BRACCIO DELLA MORTE CON DISTURBI PSICHIATRICI
USA - Alabama. Willie Smith, 51 anni, nero, è stato giustiziato
ZIMBABWE: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DEL DATORE DI LAVORO
IRAN - Uomo non identificato giustiziato nella prigione di Karaj il 20 ottobre
BANGLADESH: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MADRE
PAKISTAN: TRE CONDANNATI A MORTE IN UN CASO DI STUPRO E OMICIDIO
MALESIA: MADRE DI NOVE FIGLI CONDANNATA A MORTE PER DROGA

1 2 3 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits