Year
How to use the database
HANDS OFF CAIN’S 2015 REPORT
The worldwide situation (as of 30 June 2016)
EXECUTIONS IN 2014
EXECUTIONS IN 2015 (as of 30 June)
The most important facts of 2015 (and the first six months of 2016)
ADDRESS of Pope Francis
THE SMILING FACE OF THE MULLAHS
Reportage by Sergio D'Elia
ANALYSIS OF THE 2015 REPORT DATA AND OBJECTIVES OF HANDS OFF CAIN
Reportage by Marco Perduca
"THE ABOLITIONIST OF THE YEAR 2015” AWARD
Protocol of understanding between NTC and CNF
Dossier on death penalty and homosexuality
Final declaration of the Cairo workshop
Goals
Achievements
GENERAL MOTION OF THE FIFTH CONGRESS OF HOC
RESOLUTION OF THE KIGALI CONFERENCE
U.N. RESOLUTION 2014

U.N. RESOLUTION 2012
U.N. RESOLUTION 2010

REPORT ON THE 2ND ANNUAL EU FORUM ON THE DEATH PENALTY IN ZAMBIA

Videos

DECLARATION OF LIBREVILLE

Publications
Hands Off Cain Headquarters
U.N. RESOLUTION 2008

U.N. RESOLUTION 2007

Appeal To The United Nations
Board of Directors

LETHAL TRADE DOSSIER
2014 FREETOWN CONFERENCE Final Declaration
THE COTONOU DECLARATION 2014
DOSSIER IRAQ 2003

DOSSIER ON MORATORIUM
DOSSIER IRAQ 2012

DOSSIER USA 2011

NOBEL LAUREATES APPEAL
Bulletin Board
Sign up
Join appeal
Newsletter
Our Publications

Ambrogio Crespi
Ambrogio Crespi
ASSOLUZIONE O GRAZIA PER AMBROGIO CRESPI, UN UOMO CHE HA AIUTATO A RIABILITARE TANTE PERSONE

March 27, 2021:

Andrea Nicolosi* su Il Riformista del 26 marzo 2021

L’idea di un Comitato Per Ambrogio Crespi è germogliata naturalmente, dall’attività di Nessuno Tocchi Caino, la notte del 9 marzo 2021, quando non si dormiva, per la condanna in Cassazione di Ambrogio Crespi, a 6 anni di reclusione per “concorso esterno in associazione mafiosa”.
Il Comitato è nato dalla ferma convinzione che Ambrogio Crespi sia innocente. Che sia innocente, nonostante la pronuncia definitiva della Corte Suprema. La sua innocenza la dicono i fatti di causa, le registrazioni usate dai giudici come prove nel processo, le perizie disposte dal Tribunale che hanno rivelato l’inattendibilità dei testimoni, la dice chi lo ha falsamente accusato ed ha poi ritrattato, autodefinendosi un mentitore e un millantatore, la dice il mutato atteggiamento della stessa pubblica accusa che, prima della pronuncia definitiva, ha chiesto l’assoluzione di Ambrogio per il reato di associazione mafiosa e il rinvio per il reato di voto di scambio.
Al di fuori del processo, l’incompatibilità tra Ambrogio e il reato che gli viene attribuito è sancita dalla sua vita, dalle sue opere cinematografiche, dalla opinione di chi lo conosce persona per bene, sensibile, generoso, pacifico, contro ogni violenza e, ancor più, contro le violenze delle organizzazioni criminali, alle quali ha opposto la forza della sua arte, la sua ferma condanna, la sua lotta culturale a viso aperto, a rischio della sicurezza e della propria vita.
Ho conosciuto per primo, tra le opere di Ambrogio, il capolavoro artistico di Spes Contra Spem – Liberi Dentro, manifesto della lotta alla mafia, cominciamento di rivoluzione culturale e giuridica, che testimonia realisticamente, senza finzioni né sofisticazioni, il percorso di maturazione interiore e rieducazione al senso etico e sociale dei condannati al “fine pena mai” detenuti nel carcere di Opera.
Un capolavoro artistico che ha contribuito senz’altro alla fioritura della sentenza Viola contro Italia della Corte europea dei diritti dell’uomo, la sentenza che ha ribadito il divieto inderogabile di trattamenti inumani e degradanti e riconquistato ai condannati all’ergastolo senza speranza il diritto alla speranza.
Qualche giorno fa, Gaetano Puzzangaro, uno dei protagonisti di Spes Contra Spem, ha incontrato la voce di Ambrogio, detenuto nello stesso carcere di Opera, in una cella nei pressi della sua. Chissà quale tuffo al cuore, quale commozione a sentire l’uomo che si era piegato sulle sue sofferenze di detenuto senza speranza, riuscendo a farla emergere una speranza, nei lievi bagliori di bellezza che cominciavano a sbucare, come timidi fiori di campo, dalle “macerie della sua esistenza”.
Così lui stesso ha definito la sua vita dopo l’omicidio del giudice beato Rosario Livatino, per il quale oggi prega e con il quale oggi parla: “Ci parlo anche col dottor Livatino: di notte faccio lunghe chiacchierate con lui…”. Chissà quale senso di separazione interiore a vedere uno Stato, l’Italia, che – dopo aver rinunciato, in nome dell’emergenza, alla dignità del condannato al carcere ostativo ed a valorizzarne i segni reali di cambiamento – incarcera un uomo che ha contribuito così fortemente a riabilitare la speranza nella risocializzazione sua e dei condannati come lui. Chissà cosa avrà provato Gaetano Puzzangaro a vedere uno Stato che cade nel gigantesco errore e misfatto di divenire Caino (come lo è stato lui del beato Livatino) di un innocente Abele, di processare e condannare Ambrogio Crespi. A vedere uno Stato eseguire una pena – che ai sensi della Costituzione dovrebbe essere volta alla riabilitazione – nei confronti di una persona come Ambrog
 io che ha riabilitato persone e non richiede di essere riabilitata.
Ho conosciuto l’uomo Ambrogio, la sera della pronuncia della Cassazione. Un uomo oppresso dal dolore ma che teneva alta la sua grande dignità e si diceva grato, infinitamente grato, per la solidarietà che riceveva in quel momento così drammatico. Ambrogio era incredulo, stupefatto, smarrito per la condanna ma bisognoso di voler capire, di sperare, di poter credere ancora nella giustizia: “…perché, perché?!...Non capisco perché!?”, continuava a chiedere con una voce rotta dal pianto, senza mai proferire parole di squalifica o sdegno verso i giudici, nonostante si sentisse ingiustamente offeso, tradito, pugnalato. Un colpevole non chiede mai perché, sa la sua colpa e sa il perché della sua condanna. Un I-N-N-O-C-E-N-T-E chiede perché, chiede il perché della sua condanna senza poterne trovare le ragioni!
La verità è che questa drammatica storia non riguarda solo Ambrogio e la sua famiglia ma ciascuno di noi: a ogni innocente può capitare lo stesso destino infausto. La condanna di Ambrogio è una ferita
sociale – proprio come quella di “Enzo Tortora, una ferita italiana” – trasversale, che mina i principi del giusto processo e la certezza del diritto e può pericolosamente rompere la fiducia collettiva nelle istituzioni e nella giustizia. Insinuare una insicurezza sociale che smarrisce e paralizza. La condanna di un innocente è un dramma universale che fa sobbalzare l’intero ordinamento costituito e tremare le coscienze. Tremano le coscienze, nel silenzio della notte, anche quelle di chi giudica, dinanzi alla condanna di un innocente.
Il Comitato per Ambrogio Crespi ha lo scopo di coltivare la speranza e ripristinare la verità. Di collaborare con Ambrogio, i suoi legali, la sua famiglia per far riemergere la sua innocenza, con tutti i mezzi possibili contemplati dall’ordinamento giuridico, per ottenere una pronuncia di assoluzione o la grazia del Presidente della Repubblica.
Ravvisa, per altro verso, la necessità di aprire un pacifico e approfondito dibattito collettivo che miri alle riforme della Giustizia strumentali a ripristinare in via più sostanziale lo stato di diritto, una giustizia più giusta, informata al senso di umanità, protesa al rispetto del valore universale della dignità umana. La necessità è posta dal senso di considerazione e tutela dei tanti Ambrogio Crespi che scontano condanne carcerarie in via preventiva o definitiva e che, sconosciuti ai più, non hanno alcun comitato che li sostenga, alcuna cassa di risonanza che faccia risuonare il silenzioso lamento di un innocente.

* Presidente Comitato di Nessuno tocchi Caino per Ambrogio Crespi

PAKISTAN: SHC COMMUTES MAN’S DEATH SENTENCE INTO LIFE TERM
VIETNAM: TWO MEN SENTENCED TO DEATH FOR TRADING DRUGS IN NORTH-CENTRAL PROVINCES
IRAN - Calls to release Swedish-Iranian scientist Djalali
VIETNAM: ACTIVISTS FACING DEATH REFUSE TO PLEAD FOR AMNESTY, ASSERTING INNOCENCE
SAUDI ARABIA: SAUDI CITIZEN SENTENCED TO DEATH FOR KILLING BANGLADESHI
IRAN - Annual report on the death penalty by Iran Human Rights
PAKISTAN: MAN SENTENCED TO DEATH FOR RAPING AND KILLING MINOR GIRL
INDIA: FOUR GET DEATH SENTENCE FOR HONOUR KILLING IN JHARKHAND
USA - North Carolina. Bar Suspends License of Lawyer Who Defrauded Death-Row Exonerees
USA - Launch of a new website
EU WELCOMES ARMENIA’S RATIFICATION OF PROTOCOL TO INTERNATIONAL COVENANT AIMED AT ABOLITION OF DEATH PENALTY
BANGLADESH: 14 ISLAMIST MILITANTS GIVEN DEATH SENTENCE FOR ATTEMPTING TO KILL PM HASINA
IRAN - ‘No to Islamic Republic’
EGYPT: MAN GETS DEATH SENTENCE FOR KILLING WIFE, BROTHER
ALGERIA: MUEZZIN SENTENCED TO DEATH FOR SLITTING THROAT OF HIS PREGNANT WIFE
EGYPT: YOUNG MAN SENTENCED TO DEATH FOR RAPING, BEATING AND KILLING 10-YEAR-OLD COUSIN
USA - Virginia. Governor Ralph Northam signed legislation abolishing capital punishment
IRAN - Spreading Justice: A database of human rights abusers in Iran
PAKISTAN: SC CONVERTS DEATH SENTENCE INTO LIFE-TERM
INDIA: HC COMMUTES DEATH SENTENCE IMPOSED ON YOUNGSTER CONVICTED FOR MURDERING NEIGHBOUR
PAKISTAN: COURT AWARDS DEATH PENALTY TO MAN IN MURDER CASE
IRAN - UN adopted new resolution on the situation of human rights in Iran
PAKISTAN: PAIR SENTENCED TO DEATH OVER MOTORWAY GANG RAPE
Business Executives Launch Campaign Against the Death Penalty
THAILAND: SEVEN DEATH SENTENCES FOR FAMILY MASSACRE
BANGLADESH: 2 GET DEATH PENALTY FOR KILLING CHILD IN CHAPAINAWABGANJ
INDIA: MAN SENTENCED TO DEATH 26 DAYS AFTER RAPING 5-YEAR-OLD GIRL
USA - New York. Judge Finds Prosecutor Lied to Convict Three Men in 1990s Death-Penalty Case
JORDAN: SIX GET DEATH SENTENCE IN ZARQA REVENGE ATTACK CASE
BANGLADESH: FOUR GET DEATH SENTENCE FOR KILLING BUSINESSMAN IN KHULNA

1 2 3 [Succ >>]
2024
january
february
march
april
may
june
july
  2023
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
  2022
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
  2021
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
  2020
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
 
2019
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
  2018
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
  2017
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
  2016
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
  2015
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
  2014
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
 
2013
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
  2012
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
  2011
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
  2010
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
  2009
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
  2008
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
 
2007
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
  2006
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
  2005
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
  2004
january
february
march
april
may
june
july
august
september
october
november
december
 
IRAN - Wife of Djalali pleads for EU action
  IRAN - Hands off Cain Year End Report: At least 284 executions in 2020  
  IRAN: HANDS OFF CAIN, THE HANGING OF THE PROTESTER MOSTAFA SALEHI IS A SHAME FOR THE SO-CALLED DEMOCRATIC WORLD   
  USA: ‘BLACK LIVES MATTER’, BUT IS IT ONLY RACISM?  
  IRAN. HANDS OFF CAIN, REDUCTION OF DRUG EXECUTIONS BUT NUMBERS REMAIN WORRISOME  
  HUMAN RIGHTS: DEMONSTRATION OF THE RADICAL PARTY BEFORE IRANIAN EMBASSY 14 FEBRUARY  
news
-
latest actions
-
data base
-
actions
-
who we are
-
registered users
-
credits