Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

AMNESTY INTERNATIONAL: EXECUTING COUNTRIES LEFT ISOLATED AFTER DECADE OF PROGRESS

28 marzo 2011: Countries which continue to use the death penalty are being left increasingly isolated following a decade of progress towards abolition, Amnesty International has said today in its new report Death Sentences and Executions in 2010.
A total of 31 countries abolished the death penalty in law or in practice during the last 10 years but China, Iran, Saudi Arabia, the USA and Yemen remain amongst the most frequent executioners, some in direct contradiction of international human rights law.
The total number of executions officially recorded by Amnesty International in 2010 went down from at least 714 people in 2009 to at least 527 in 2010, excluding China.
China is believed to have executed thousands in 2010 but continues to maintain its secrecy over its use of the death penalty.
“The minority of states that continue to systematically use the death penalty were responsible for thousands of executions in 2010, defying the global anti-death penalty trend,” said Salil Shetty, Amnesty International’s Secretary General.
“While executions may be on the decline, a number of countries continue to pass death sentences for drug-related offences, economic crimes, sexual relations between consenting adults and blasphemy, violating international human rights law forbidding the use of the death penalty except for the most serious crimes,” said Salil Shetty. 
Two regions are responsible for most executions worldwide: Asia and the Middle East.
China used the death penalty in 2010 against thousands of people for a wide range of crimes that include non-violent offences and after proceedings that did not meet international fair trial standards.
A significant proportion of the executions or death sentences recorded in 2010 in China, Egypt, Indonesia, Iran, Laos, Libya, Malaysia, Thailand, United Arab Emirates, Saudi Arabia and Yemen were for drug-related offences.
Iran, Pakistan, Saudi Arabia, Sudan, and the United Arab Emirates ignored international prohibitions in 2010 and imposed death sentences on individuals that were below 18 years of age when the crimes were committed.
Amnesty International’s report highlights a number of setbacks during 2010 when six other countries and territories carried out executions after a hiatus and one country expanded the scope of the death penalty.
“In spite of some set backs, developments in 2010 brought us closer to global abolition. The President of Mongolia announced a moratorium on the death penalty, an important first step as capital punishment is still classified as state secret. For the third time and with more support than ever before, the UN General Assembly called for a global moratorium on executions” said Salil Shetty.
Since 2003, less than half of retentionist countries have carried out executions. Less than a third were known to have executed prisoners every year over the last four years. “Any country that continues to execute is flying in the face of the fact that both human rights law and UN human rights bodies consistently hold that abolition should be the objective.”
“A world free of the death penalty is not only possible, it is inevitable,” said Salil Shetty.  “The question is how long will it take?” In the USA, the only country in the Americas to carry out executions, at least 110 death sentences were imposed during 2010 but this represents only about a third of the number handed down in the mid-1990s. And in March 2011, Illinois became the 16th state to abolish the death penalty.     In 2010 Amnesty International was not able to confirm comprehensive figures on the use of the death penalty for China, Malaysia, North Korea, Singapore and Viet Nam although executions were known to have been carried out in all these countries. Available information from five other countries in the region confirmed at least 82 executions were carried out in Asia. Eleven countries imposed death sentences but continued not to carry out executions in 2010: Afghanistan, Brunei Darussalam, India, Indonesia, Laos, Maldives, Myanmar, Pakistan, South Korea, Sri Lanka and Thailand. The Pacific Islands remained free from death sentences and executions. In January 2010 the President of Mongolia announced a moratorium on executions with a view to abolition of the death penalty. After a year’s hiatus in 2009 when for the first time no executions were recorded in Europe and the former Soviet Union, in March 2010 the Belarusian authorities carried out two executions. Three new death sentences were imposed in Belarus in 2010. Fewer death sentences and executions were recorded in total in the Middle East and North Africa in 2010 than in 2009. However, where the death penalty was imposed it was frequently used after unfair trials and for offences, such as drug-trafficking or adultery, which are not recognized as the “most serious crimes” and therefore in violation of international law. The authorities of Algeria, Jordan, Kuwait, Lebanon, Morocco/Western Sahara, Tunisia and United Arab Emirates imposed death sentences but continued to refrain from carrying out executions. The Iranian authorities acknowledged the execution of 252 people, including five women and one juvenile offender in 2010. Amnesty International received credible reports of more than 300 other executions which were not officially acknowledged, mostly in Vakilabad Prison, Mashhad. Most were of people convicted of alleged drugs offences. Fourteen people were publicly executed. Death sentences continued to be imposed in large numbers. In 2010 one more African country, Gabon, abolished the death penalty, bringing the number of abolitionist countries among African Union members to 16. Four countries were known to have executed in sub-Saharan Africa in 2010: Botswana (1), Equatorial Guinea (4), Somalia (at least 8) and Sudan (at least 6). (Sources: AI, 28/03/2011)

Altre news:
TURCHIA: ERDOGAN, PENA DI MORTE NON SARÀ REINTRODOTTA
SRI LANKA: TRE SOLDATI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
DANIMARCA: LUNDBECK NON RITIRERA’ PENTOBARBITAL DA MERCATO USA
IRAN: PER IL FOREIGN OFFICE 650 ESECUZIONI NEL 2010
CINA: TRE FILIPPINI GIUSTIZIATI PER DROGA
GAZA: CONDANNA ALL’IMPICCAGIONE PER TRADIMENTO
GIAPPONE: TRE CONDANNE A MORTE DEFINITIVE
TAGIKISTAN: MAGGIORANZA POPOLAZIONE CONTRO PENA CAPITALE
KUWAIT: TRE CONDANNE PER SPIONAGGIO
ARIZONA (USA): GIUSTIZIATO NONOSTANTE INTERROGATIVI SU INIEZIONE LETALE
ONU: NAPOLITANO, SIAMO CONTRARI ALLA PENA DI MORTE
AMNESTY: PAESI BOIA SEMPRE PIU’ ISOLATI
KAZAKISTAN: VERSO ABOLIZIONE DEFINITIVA
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO PER OMICIDIO
ARIZONA (USA): FARMACI PER INIEZIONE LETALE ACQUISTATI ALL’ESTERO
ARABIA SAUDITA: DECAPITATO PER OMICIDIO NELL’ASIR
EMIRATI: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO MOGLIE
ONU: ISTITUITO SPECIAL RAPPORTEUR SULL’IRAN
VIETNAM: NIGERIANO CONDANNATO PER TRAFFICO DROGA
VIETNAM: NIGERIANO CONDANNATO A MORTE PER DROGA
CINA: CONFERMATE SETTE CONDANNE EMESSE NELLO XINJIANG
MAURITANIA: QUATTRO CONDANNE A MORTE PER TERRORISMO
SOMALIA: MILIZIANI AL SHABAAB DECAPITANO DUE RAGAZZI
MALDIVE: RITIRATO EMENDAMENTO PRO ESECUZIONI CAPITALI
SOMALIA: GIUSTIZIATO PER OMICIDIO
MALDIVE: CASO NABEEL, PRESENTATO APPELLO CONTRO CONDANNA A MORTE
MALESIA: UNA CONDANNA PER TRAFFICO DI DROGA
IRAN: TEMPI PIU’ BREVI PER LE ESECUZIONI
TEXAS (USA): PENTOBARBITAL AL POSTO DEL SODIO TIOPENTALE
IRAQ: SEI CONDANNE A MORTE PER TERRORISMO

1 2 3 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits